La curiosità uccise il gatto, ma non l’ecologia

La curiosità uccise il gatto, ma non l’ecologia

Come ci piace fare ogni tanto, cerchiamo di andare a scovare curiosità green divertenti, ma anche utili. Perché diciamoci la verità, tante volte le buone intenzioni non portano sempre ad un comportamento corretto. Un po’ la stanchezza, un po’ il poco tempo a disposizione, un po’ il “tanto che cambia?!”, insomma finiamo per dimenticarci di essere persone civili e rispettose dell’ambiente.

Ma c’è il vostro Magazine di IGL che vi riporta sulla retta via e vi fa risuonare in testa le svegliette ecologiche.

Driiinnn!

Lo sapevate che la maggior parte degli elettrodomestici consuma energia anche quando è in stand-by? Probabilmente no. Negli Stati Uniti, secondo gli ultimi studi, gli apparecchi elettronici in stand-by consumano più energia di quanta ne riescano a produrre tutti gli impianti fotovoltaici del paese. Il consiglio valido in generale, per tutti gli apparecchi elettrici, è evitare lo stand-by, ricorrere alle multi-prese e utilizzare un wattmetro che ci aiuti a capire quali sono gli apparecchi energivori, prestando loro maggiore attenzione. Il frigorifero è in prima posizione in quanto a consumo, ma di certo quello non si può spegnere!

Driiinnn!

Lo sapevate che si può produrre energia anche dalla spazzatura? Questa non è male, approfondiamo!

È proprio dagli scarti che viene rilasciato il metano, un gas naturale, il quale, essendo un gas serra, può essere utilizzato per la produzione di energia, ed è un ottimo modo per evitare che venga immesso nell’ambiente. Attraverso le nuove tecnologie di cui sono dotati gli impianti di ultima generazione, 4 tonnellate di spazzatura sono in grado di sprigionare l’energia di una tonnellata di petrolio, 1,5 tonnellate di carbone o 5 di legno. Gli inceneritori di seconda generazione, anche noti come termo-valorizzatori, oltre a bruciare i rifiuti recuperano il calore sviluppato durante la combustione e lo riutilizzano per produrre vapore; quest’ultimo, a sua volta, viene convogliato e sfruttato per produrre energia elettrica o calore tramite il teleriscaldamento.
Un bene per il pianeta, un grosso vantaggio anche per noi!

DRIIINNN!

Lo sapevate che la Norvegia ottiene circa il 99% di tutta l’energia elettrica di cui necessita dall’acqua? In questo modo guadagna il primato di paese in cui l’energia idroelettrica è più efficiente. Grazie all’abbondanza di riserve d’acqua e di salti, la nazione ha potuto dotarsi di ben 31GW di potenza installata idroelettrica in grado di produrre ogni anno 144TWh di energia, pari a circa la metà del fabbisogno italiano.

Inoltre, in Norvegia l’acqua occupa circa il 5,05% della superficie totale. Questa frazione può sembrare insignificante, fino a quando non si scopre che la Norvegia ha la seconda più grande percentuale di acqua rispetto alla terra a livello globale, dietro solo al Canada con l’8,93%. In più, tra i corpi idrici ci sono i fiordi norvegesi. Con oltre 1.000 fiordi che attraversano il Paese, la Norvegia è il Paese che ospita il maggior numero di fiordi al mondo. Con questa risorsa idrica viva e attiva a disposizione del Paese, la Norvegia si vanta di essere la nazione europea con la più alta capacità idroelettrica.

Che ne dite? Vi sono piaciute?

Se ne volete altre, scrivetelo nei commenti. Chiedete e vi sarà dato. Come sempre: IGL, dalla parte del cliente.

Al prossimo articolo!

Hai voluto la bicicletta? E allora usala!

Hai voluto la bicicletta? E allora usala!

Un filosofo cinese dell’antichità amava dire che “la parte più difficile di un viaggio è la porta “. Questo perché, nonostante la volontà e le buone intenzioni, iniziare un percorso nuovo può rivelarsi arduo, soprattutto all’inizio, quando non si sa da che parte girarsi. Se non si trovano risposte ai dubbi o non si hanno esempi da seguire, è molto facile che le motivazioni vengano meno: oggi parliamo del Bike to Work.

Partiamo dall’inizio, ovvero dal momento in cui nasce dentro di noi la volontà di provarci, di dire “quasi quasi ci vado in bici”. Visto che tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare, vediamo come colmare quel vuoto. Alzi la mano chi, quando ha pensato “quasi quasi vado al lavoro in bici” non sia stato immediatamente inondato di pensieri che mettevano in discussione ogni motivazione. “Sì ma ci sono troppe auto: come faccio?” “Già ma poi cosa la pago a fare l’assicurazione della macchina?” “E poi come faccio se sudo?” “Ma con ‘sto freddo, all’aperto?”

Per superare i timori iniziali si può usare un metodo molto semplice: scrivere le proprie intenzioni. Prendete un foglio bianco e tracciate tre righe verticali, che saranno le colonne della tabella. La prima colonna la chiameremo “Vantaggi”:

– Risparmiare

– Restare in forma

– Evitare il traffico

Nella seconda colonna che chiameremo “Svantaggi”:  

– Pericolo

– Alzarsi prima

– E per fare la spesa?

Ora, per ogni svantaggio o timore che avete scritto, valutate se esiste una soluzione concreta che potete mettere in atto e scrivetela nella terza colonna: la Soluzioni. Poi, contate i vantaggi che avete inserito nella prima colonna e gli svantaggi che sono rimasti senza soluzione e fate un paragone: quali sono in maggior numero? Questo metodo è molto pratico e funzionale perché permette di avere una visione a 360° del progetto e capire che molto spesso i nostri timori sono infondati.

Usare la bicicletta per andare a lavorare non è solo cambiare mezzo di trasporto, ma quasi una scelta o una filosofia di vita. Saremmo disonesti se dicessimo che sarà tutto bello, facile e vi ritroverete a pedalare in mezzo alla natura con il sole sulla faccia. Ci sono dei problemi da affrontare, usare diversi metodi per trasportare le proprie cose o per organizzare il proprio tempo, ma non è niente di impossibile.

La prima cosa da fare è trovare la bicicletta giusta: da città o da viaggio, è indifferente. L’importante è che sia la vostra bici, sia della vostra misura e che l’abbiate regolata in base alla vostra corporatura. Una volta trovata, il resto è soltanto organizzazione pratica: problemi logistici che si possono risolvere facilmente.

Infine, dato che raramente abbiamo corsie dedicate, dobbiamo considerarci come degli utenti della strada a tutti gli effetti, che dobbiamo dividere con automobili, motocicli e pedoni, per cui vedremo in maniera approfondita come comportarci in ogni situazione, per garantirci la massima sicurezza possibile.

Che dire, il nostro viaggio è cominciato e abbiamo imboccato la porta giusta, quella che ci condurrà a cambiare decisamente modo di muoverci. Noi di Italia Gas e Luce lo facciamo da sempre.  Qualcuno potrebbe dire: Facile! Avete la sede in Versilia, a Lido di Camaiore, siete già abituati agli spostamenti in bicicletta sul mare, quindi non fate testo! Può anche essere vero, ma vi possiamo assicurare che, superati i primi dubbi, la strada sarà solo in discesa. Provateci e non ve ne pentirete. Il nostro filosofo cinese ne sarebbe davvero soddisfatto.

Un cliente felice è il nostro unico obiettivo

Un cliente felice è il nostro unico obiettivo

Devo ammetterlo, quando ho cominciato a collaborare con Italia Gas e Luce ne sapevo ben poco di energia rinnovabile, carbon fossili, combustione, lettura di bollette, pun, pod, volture, ecc… Come credo la maggior parte di voi. Arrivava la bolletta e la pagavo, poi dopo è arrivato il rid bancario, la rateizzazione, ma finiva sempre che dovevo pagarla, e sperare solo che fosse più bassa del bimestre precedente. Lamentarsi non serviva a niente, e soprattutto non cambiava le cose. Questo era il mercato tutelato, dove l’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente, detta ARERA, stabiliva i costi e le condizioni dei contratti energetici.

Con l’avvento del Mercato Libero, invece, i costi e le condizioni contrattuali sono fissati direttamente dai fornitori di energia. Ecco che abbiamo avuto a possibilità di scegliere il fornitore e l’offerta che meglio si adattavano alle nostre esigenze. Decisamente la svolta. Innegabile la confusione iniziale, e ora che si fa? Sarà meglio o peggiorerà ancora? Considerazioni lecite e comprensibili. E via con ricerche compulsive in rete per non farsi trovare impreparati, ovviamente trovando di tutto, offerte imperdibili, indimenticabili, irripetibili, irrinunciabili. Ci siamo cascati, ci abbiamo creduto, come potevamo fare diversamente!

Poi, però, ci siamo fatti furbi, abbiamo cominciato a selezionare, come con le mail spam, abbiamo imparato a riconoscere e ad allontanare le sirene di Ulisse.

Noi di Italia Gas e Luce ci teniamo alla trasparenza, non quella dei vestiti in estate sia chiaro, sto parlando di trasparenza e sincerità nei confronti di chi ci sceglie, e questo diventa quasi una missione. Un cliente felice è il nostro unico obiettivo. Lavoriamo quotidianamente per farlo.

A cominciare da chi sta in azienda, che con gentilezza e competenza risponde alle vostre chiamate. Non per niente possiamo vantare un servizio a cinque stelle, certificato da Google

Fornendovi solo Energia rinnovabile, proveniente da fonti rinnovabili, anche questo certificato.

Proponendo offerte sempre nuove e al passo con le vostre necessità.

Al momento, tra quelle attive, c’è la Doppio Sconto, che ti fa avere 60 euro di sconto in bolletta se passi con con entrambe le utenze, e dopo dodici mesi che sei cliente, per il primo anno, ti restituisce il 50% di cashback sui consumi effettuati.

Ma come dimenticare la Business plus, dedicata ai nuovi clienti IGL. Se passate con noi con 1 utenza commerciale (con almeno 1.000€ di fatturato mensile) e 2 utenze domestiche, riceverete uno sconto di 3 centesimi per kWh sulla tariffa delle utenze elettriche per 12 mesi + il rimborso del 25% sull’utilizzo mensile medio della materia energia ogni 12 mesi rimane sempre valido.

Queste sono le offerte per i nuovi arrivati, ma non vogliamo certo dimenticare chi decide di restare con noi. La vostra fedeltà a Italia Gas e Luce sarà sempre premiata con un cashback annuale del 25%, per tutto il tempo in cui resterete in fornitura.

E, ultimo ma non ultimo, per i clienti IGL, il programma di risparmio “Porta un Amico”, che vi premia con uno sconto in bolletta per sempre per ogni amico che portate. Amico dopo amico arriverete ad azzerare le vostre bollette. Non c’è limite agli amici che potete portare e il vostro sconto sarà permanente!

È evidente che passare con IGL conviene, ma restare lo è ancora di più!

Il consiglio è sempre quello di dare un’occhiata al nostro sito “italiagaseluce.it” per trovare tutti i dettagli sulle offerte e le condizioni.

Stai con noi di IGL, vedrai che non saremo mai la tua nuova mail che finisce nello spam!

Termini e Condizioni

Newsletter IGL

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre aggiornato/a sulle nostre offerte e news Green!

Scrivici il tuo contatto qui: